martedì 20 marzo 2018

ECONOMIA USA: QUANTO PESA IL SETTORE EQUESTRE ?

USA: SOLO DIVERTIMANTO?  IN USA IL "MONDO EQUESTRE" VALEQUASI DUE MILIONI DI LAVORATORI PER UN INDOTTO DI 122 MILIARDI DI DOLLARI ANNUO.
La premessa doverosa è la seguente. in Italia, nell'opinione pubblica,  l'equitazione oscilla tra attività agricola, turismo e  attività sportiva d'elite e siccome non è inquadrata in modo molto chiaro incontra molteplici problematiche e ostacoli  dal punto di vista burocratico, fiscale e urbanistico per chi fa questa attività. Il settore è inoltre estremamente frammentato e ognuno difende il suo piccolo segmento.
Negli USA l'Istituto Horse Council realizza periodicamente e per tutti, studi di settore per fare capire al Governo e all'opinione pubblica il "peso" economico che l'Equitazione nel suo complesso ha per il Paese. A che serve? Essenzialmente a supportare l'azione di Lobbying verso il Governo da parte di chi fa questo mestiere. Solo attraverso questo tipo di studi i Governi riescono a capire e valutare il "peso" specifico di un settore che è del tutto simile a un piccolo comparto industriale e incide a livello sociale in termine di occupazione e indotto economico, oltre all'evidente impatto sociale (sport e giovani, ,ippoterapia e così via). Quindi, va tutelato,aiutato, difeso, soprattutto in periodi di crisi.

Quando il mondo equestre periodicamente fa delle richieste ai Governi  (in materia urbanistica, fiscale, dei regolamenti dei trasporti e cosi via) è più facile avere un dialogo Istituzionale quando ci sono in ballo numeri complessivi importanti..
Che tipo di richieste? Beh, tra chi mi legge
ci sono  anche tanti proprietari di Centri: quanti di voi hanno avuto difficoltà enormi per realizzare o ampliare una arena coperta? O ha dovuto accatastarla come deposiito agricolo?  Questo perchè nel nostro Paese l'attività equestre è per molti aspetti (non marginali) in un limbo normativo che certamente non aiuta chi fa impresa, anche se a giudicare dai numeri di appassionati divulgati da Fise (110.000 tesserati in Italia nel 2017) forse l'intero settore equestre, senza divisioni, potrebbe ottenere qualche risultato su questo fronte se si presentasse compatto nel dialogo con le Istituzioni che governano in materia economica, agricola, sportiva e così via
Con una postilla tipica della mentalità di casa nostra: in Usa non è chiaro solo l'impatto economico complessivo del settore, ma anche la sua fiscalità che è ovviamente (nel bene  e nel male) molto più trasparente di quella nostrana di casa nostra, dominata da "50 e oltre sfumature di grigio..." per dirla con un sorriso.
E IN AMERICA, COME VA? QUNTO PESA IL MONDO DEL CAVALLO NEL SUO COMPLESSO?
L'ultimo studio realizzato in Usa dice che complessivamente il settore equestre (tutte le discipline e la parte turistica) vale circa 122 Miliardi di Dollari di indotto economico e in Usa occupa complessivamente 1.740.000 addetti totali (contando anche le aziende produttive che realizzano beni per il nostro settore) . L'industria equestre, corrisponde salari per circa 79 Miliardi di dollari all'anno e in totale nel Paese ci sono circa 7.2 Milioni di cavalli  . Il 38% dei praticanti Usa sono sotto i 18 anni e circa 80 Milioni di Acri di terra sono destinati nel Paese ad attività equestri. Texas, California e Florida sono in ordine i 3 Stati a più ampia diffusione di questo sport.
Ovviamente tutti i dati sono poi settorializzati tra lavoro effettivo, attività di maneggio, mondo delle corse e così via. La pubblicazione completa è scaricabile a pagamento al LINK qui indicato


Nessun commento: